Cagliari – Paesaggi in Sardegna


La Sardegna non è una grande isola ma un piccolo continente e in realtà di Sardegne ne esistono tante. Così pure il capoluogo sardo ha tante facce, belle e contrastanti fra loro: Castello, Marina, Stampace, Villanova, le spiagge e le lagune…Cagliari è capace di ammaliare chi la visita, adagiata com’è in uno dei luoghi più belli del Mediterraneo.
cagliari
Ci si rende conto subito che questa è una città a misura d’uomo, lontana anni luce dall’inquinamento e dal caos delle grandi metropoli. Basti pensare che in pochi minuti d’auto ci si può spostare dal centro e arrivare all’immensa e organizzatissima spiaggia del Poetto, o nella graziosa baia di Calamosca, dove sembra di trovarsi magicamente in uno di quegli angoli nascosti di costa selvaggia tra folta vegetazione e fondali turchesi.
Cagliari fu fondata secondo la tradizione dai Fenici che le diedero appunto il nome di Karel o Karalis, in seguito divenne colonia dei Cartaginesi che la utilizzarono come base principale. La città fu conquistata da Tiberio Gracco nel 238 a.C. e conobbe un lungo periodo di prosperità, tanto che Giulio Cesare le diede lo status di municipium e diventò uno dei più importanti porti del mediterraneo.
Le difficoltà iniziarono con il declino di Roma quando la città cadde in mano ai Vandali e ai Goti. Dopo una breve rinascita in epoca bizantina, fu ripetutamente depredata dai Saraceni e dagli Aragonesi dopo.
Alla fine del 1700 divenne capitale del Regno di Sardegna, che fu poi in seguito fondamentale per la creazione del Regno D’Italia e poi della Repubblica Italiana.
cagliari
La leggenda vuole che Cagliari sia stata fondata da Aristeo, figlio del dio Apollo e della ninfa Cirene. In cerca di un luogo paradisiaco, si dice infatti che sia giunto in Sardegna accompagnato da Dedalo. E’ curioso il fatto che, mentre Aristeo metteva pace tra le varie tribù della Sardegna  e fondava Cagliari, il suo amico Dedalo costruiva i nuraghi.