La medicina dell’occhio – Superstizioni in Sardegna 1


Come ogni regione d’Italia e del mondo, anche la Sardegna ha le sue superstizioni e i modi per prevenire o curare l’avverarsi di una determinata “maledizione”.

mask's tour

In Sardegna, esistono diverse pratiche che si possono dividere in tre categorie principali: la medicina dell’occhio, la terapia dello spavento e la cura delle ustioni.

Oggi andremo a conoscere la medicina dell’occhio. Si tratta di un rito magico-terapeutico, diffuso da tempo immemorabile in tutte le aree dell’isola. Qualsiasi guaritore che lo sappia fare, ha imparato da qualcuno della sua famiglia. Lo scopo di questa pratica è quello di guarire dal malocchio. Quest’ultimo è una sorta di maledizione che può essere attaccato a chiunque da parte di chiunque – con un semplice scambio di sguardi – anche se i principali portatori di questa “malattia” sarebbero i ciechi e le persone con gli occhi verdi. C’è anche chi sostiene che il “prendere occhio” dipenda dal sangue, cioè che ci sono dei ceppi familiari che sono più aggressivi e tendono ad avere un flusso negativo di energia.

Il malocchio viene curato tramite formule magiche e preghiere combinate all’uso di alcuni elementi quali l’acqua, presente in ogni variante della pratica, e poi (a seconda del luogo e della famiglia che sta praticando il rito) sale e grano, oppure olio, oppure pietre particolari, oppure corna di animali o conchiglie.

Il rito, affinché possa funzionare, può essere ripetuto da un minimo di tre volte sino a un massimo di nove.

Tracce di questa superstizione si trovano in modi di dire o in consuetudini quotidiane. Può capitare infatti che quando si fa un complimento a un bambino, la madre possa rispondere “Non mettergli occhio!” Questo perché si è soliti credere che l’occhio possa essere generato anche dal’invidia. L’unico complimento che non genera reazioni di questo tipo è “che Dio lo mantenga!”

Vuoi scoprire di più riguardo agli usi e ai costumi della Sardegna? Prenota subito uno dei nostri tour!


Un commento su “La medicina dell’occhio – Superstizioni in Sardegna

I commenti sono chiusi.