Le Janas – Creature magiche in Sardegna


Conoscete le domus de janas? Per chi non le conoscesse sono dei sepolcri scavati nella roccia. Ma la loro bellezza e la loro precisione nei dettagli e nei decori hanno costituito un enigma archeologico per molto tempo.

janas

Come vedete nella foto questa sorta di grotticelle erano troppo piccole per essere abitate da persone… quindi come per tutte le cose in cui l’uomo non riesce a darsi una spiegazione, ci siamo fatti aiutare dalla magia e nelle credenze popolari sono diventate le dimore di esseri fantastici. Un po’ streghe, un po’ elfi, un po’ fate. Le Janas appunto!

Ci sono diverse tipologie di janas:

  • quelle simili alle fate. Sono molto piccole di statura e hanno le ali. Solo nelle notti d’estate (nelle altre stagioni non ci è dato sapere cosa facciano) volano per i campi emettendo una luce fortissima. Sono timidissime e avvicinarle è un’impresa. Prediligono, infatti, giocare con i bambini. Vivono tutte insieme e sono capeggiate dalla cosiddetta Jana Maista. Si dice che ogni dodici anni questa sorta di regina delle fate si rinchiuda in una caverana misteriosa per tre giorni e dia alla luce delle nuove janas.

  • quelle antropomorfe. Assomigliano in quasi tutto a delle bellissime fanciulle. Sono i loro occhi a tradire la loro natura di janas. Amano bagnarsi nelle fonti e correre nude per i boschi. Sono molte amiche degli animali come i mufloni e le volpi. La loro particolarità è che adorano danzare e quello è l’unico momento in cui si avvicinano agli umani. Ma guai a farsi coinvolgere nelle loro danze! Si dice che chi danza con le janas non si renda conto del passare del tempo e che presi da una strana frenesia, si possa danzare per anni, convinti che siano passate solo poche ore.


  • quelle maligne. Non abbiamo notizie delle loro fattezze, ma sappiamo per certo che sono molto dispettose. Trovano divertente organizzare burle di ogni genere e dispetti a danni degli umani. Tra i più frequenti c’è quella di impedire la lievitazione della pasta per il pane.


  • quelle dei tesori. Queste janas vivono non solo nelle  domus ma anche nei nuraghi o dentro le grotte. In questi luoghi esse custodiscono preziosissimi tesori e trascorrono il tempo tessendo su telai d’oro delle splendide stoffe che vengono stese sui prati nelle notti di luna piena. Si dice che a Samatzai ci sia ancora nascosto e sepolto da qualche parte uno dei loro telai, ma nessuno osi cercarlo per non far incattivire le janas, che si sa sono molto permalose!

Scopri di più sulle Janas e guarda con i tuoi occhi una delle loro case. Prenota subito con Sardigna Tour!